IL CONSUMATORE “ONNIPOTENTE”…


IL CONSUMATORE “ONNIPOTENTE”…

C’è chi ha capito finalmente
che il consumatore è “onnipotente”..
ma vorrebbe farci credere
che è egli stesso tartassato da questa “onnipotenza”..
Ah, ah, ah…
Eh no.. NON È COSÌ ..
I prezzi sono bassi
perché diversamente
i consumi sarebbero ancora più bassi..
NELL’ECONOMIA DI MERCATO,
(PER FORTUNA)
NESSUNO REGALA NIENTE A NESSUNO…
LO SFRUTTAMENTO DEL LAVORO
non comincia oggi, né con la crisi del 2008,
comincia nei primi anni ’90, coincide probabilmente
con la svalutazione della lira del settembre 1992.
Gli imprenditori/datori di lavoro guadagnavano
e i lavoratori perdevano..
MA NON BASTA(VA)…
Gli imprenditori/datori di lavoro cominciavano
la loro guerra per demolire i diritti dei lavoratori
attraverso la sostituzione di qualsivoglia contratto legale
con un improbabile co co co illegale pagato circa un terzo del dovuto
e annullando in un colpo solo tutti i diritti dei lavoratori…..
E non ci voleva uno scienziato dell’economia per capire
che il potere d’acquisto e i consumi
sia nel breve che ancor più nel lungo periodo,
sarebbero diminuiti, calati e infine crollati…..
MA GLI EMERITI PROFESSORI, NO…
GLI ECONOMISTI NO…
I POLITICI NO…
GLI INDUSTRIALI, I COMMERCIANTI, I PROFESSIONISTI
DATORI DI LAVORO ancor di meno.. NO..
avevano/hanno lo sguardo corto.. e le tasche lunghe..
E adesso che finalmente, buoni ultimi, si sono accorti
che i cittadini gli hanno presentato il conto
con il loro POTERE di consumatori,
vorrebbero farci credere alla favoletta dei salari bassi o nulli
come conseguenza dei prezzi bassi.. (o nulli?!?)
SONO I PROFITTI CHE DEVONO DIMINUIRE…!
E… il reddito minimo di base incondizionato..
contrariamente a quel che dice qualcuno,
rende le persone libere di non accettare il ricatto
del lavoro sottopagato o non pagato…

Laura Guarino